Terre di Toscana: la Toscana è stata spesso una location perfetta per film italiani e internazionali..


Terre di Toscana


Terre di Toscana - Tuscany Book




Ciak...si gira!

Una Toscana da Oscar


La commedia drammatica premiata con 3 Oscar "La vita è bella" (1997) di Roberto Benigni, lo spy-movie della saga di 007 "Quantum of Solace" (2008) diretto da Marc Forster, il thriller "La Sindrome di Stendhal" del regista italiano Dario Argento. Cosa accomuna in realtà tre film come questi, così diversi tra loro?
La risposta è: assolutamente niente, a parte i luoghi delle riprese. La Toscana.

La regione, col suo paesaggio vario e dolcemente collinare, è stata spesso protagonista silenziosa di molti film. Ottima location per film romantici e commedie, ha ospitato anche thriller, horror e film d'azione, quei generi di film che non sposano esattamente l'idea bucolica di campagna toscana.

Alcuni film sono riusciti a cogliere il senso di questa terra meglio di altri. Per esempio, un lusinghiero tributo a San Gimignano è stato il film di Franco Zeffirelli "Un tè con Mussolini" (1999), che mostra una grande capacità nel ricreare un'atmosfera suggestiva e unica del tutto simile a quella che si respira nel borgo medievale, con l'aggiunta di qualcosa di nuovo.

Un altro film in cui i sinuosi colli del panorama toscano svolgono un ruolo attivo è "Io ballo da sola" (1996) di Bernardo Bertolucci. Girato nei dintorni di Siena, la storia si svolge nella tenuta del Castello di Brolio a Gaiole in Chianti e in alcuni borghi dei comuni di Casole d'Elsa, Monteriggioni e Castelnuovo Berardenga.
Negli ultimi anni, un film che ha davvero fatto parlare della Toscana e in particolare di Montepulciano (anche se in realtà la città citata nel libro è Volterra) è stato il romantico thriller "New Moon" (2009). Sulla scia del grande successo ottenuto da questa saga gli operatori turistici del luogo si sono organizzati creando itinerari dedicati, veri e propri tour che mostrano i luoghi in cui sono state girate le scene che hanno visto protagonista il clan dei Volturi.
Anche tante delle storie raccontate attraverso le immagini del regista italiano Paolo Virzì si svolgono in Toscana, in particolare sulla costa di Livorno, e mostrano scorci della vita quotidiana locale così come appare ai nostri giorni.

La vita è bella - Arezzo New Moon - Volterra - Montepulciano Il Gladiatore - Val d'Orcia

Anche la produzione americana ha scelto spesso la Toscana per le riprese dei suoi film. "Quantum of Solace" è solo un esempio, ma ce ne sono molti: "Miracolo a Sant'Anna" (2008) di Spike Lee, ambientato nel paese di Colognora di Pescaglia, oltre che in Sant'Anna di Stazzema, e Gioviano; "Camera con vista" (sia il film girato nel 1983 e quello del 2007) e "Hannibal" (2001) di Ridley Scott, girati a Firenze; "Sotto il sole della Toscana" (2003) di Audrey Wells, girato in buona parte a Cortona.

Ma non sono gli unici. Per esempio nel 1983, il famoso regista russo Andreij Tarkovskij, ha scelto la mistica Abbazia di San Galgano e la Val d'Orcia (in particolare il centro termale di Bagno Vignoni) per il suo capolavoro, "Nostalghia".
Nel 2010, è stato il regista iraniano Abbas Kiarostami, che ha deciso di ambientare "Copia Conforme" tra Arezzo e Lucignano. Juliette Binoche, protagonista di questo film, è venuto in Toscana per la produzione di un altro grande successo "Il paziente inglese" del 1996, che è stato diretto tra Forte dei Marmi e Pienza.

E poi, come è possibile dimenticare i campi di grano dorati ne "Il Gladiatore" (2003) di Ridley Scott? È possibile incrociarli nel sud della Toscana, in Val d'Orcia, non lontano dal borgo di San Quirico d'Orcia!